logo
indice alfabetico - site map  I  immagini  I  articoli  I  elton in italy  I  testi in italiano  I  musicians & co.  I  concerti  I  discografia
forum  I  news   I  biografia   I  early days  I  friends  I   links  I  aggiornamenti  I  newsletter  I  contatti   I  varie  I  rarit  I  home
album I album secondari I recensioni dell'album

Elton John - Songs From The West Coast  (2001)


Grande album con grandi canzoni, dopo molti dischi che non convincevano pi di tanto.  Elton John, assistito ottimamente dal produttore Pat Leonard, ha  realizzato un album quasi a livello della sua produzione degli anni 70, con una ritrovata ispirazione.  Il disco stato accolto con molto favore dalla critica, anche da quelli pi scettici, mentre le vendite sono state discrete un po' ovunque.   Nel 2016 finalmente stato stampato come doppio vinile, incluso in un cofanetto a tiratura limitata di Burberry, e nel 2017 disponibile anche singolarmente.
 


 
 

1) The Emperor's New Clothes
2) Dark Diamond
3) Look Ma, No Hands
4) American Triangle
5) Original Sin
6) Birds
7) I Want Love
8) The Wasteland
9) Ballad Of The Boy In The Red Shoes
10) Love Her Like Me
11) Mansfield
12) This Train Don't Stop There Anymore

escluse dall'album e disponibili solo come B-sides:

The North Star
God Never Came There
Did Anybody Sleep with Joan Of Arc?
 
 
 
 
  classifiche:
Stati Uniti:    15 posto
Inghilterra:    2 posto
Italia:    3 posto




anno/label 2001 - Rocket -Mercury 
produzione Patrick Leonard
arrangiamenti orchestrali Paul Buckmaster
studio Cello Studios - The Townhouse (Londra)
musicisti Nigel Olsson: batteria e cori; Matt Chamberlain: batteria; Dave Glover: basso; Paul Bushnell: basso e cori; Rusty Anderson: chitarre, bazoukii; Bruce Gaitsch: chitarra acustica; Davey Johntone: chitarra, mandolino, cori; Stevie Wonder: clavinet, armonica; Rufus Wainwright: cori; Patrick Leonard: B3, organo, mellotron; Billy Preston: B3, organo; Jay Bellerose: percussioni; David Channing: dobro; Kudisan Kai, Tata Vega: cori; Elton: piano, harmonium
note dopo parecchi anni un grande ritorno ai suoni di una volta con la produzione di Patrick Leonard e ritrovata ispirazione dopo un lungo periodo poco convincente