logo
indice alfabetico - site map  I  immagini  I  articoli  I  elton in italy  I  testi in italiano  I  musicians & co.  I  concerti  I  discografia
 
forum  I  news   I  biografia  I  early days  I  friends I links  I  aggiornamenti  I  newsletter  I  contatti  I  varie  I  raritÓ  I  home

      Ultimo Ad Arrivare 
Last To Arrive

Stanno sbarrando le porte del retro dell’ingresso
╚ freddo in inverno, un po’ di gelo in autunno
Il banchetto Ŕ la minestra che Ŕ stata preparata per il maiale
Se non sei alla riunione, e sei andato fino in fondo

Sei l’ultimo ad arrivare, sei il primo ad andare
Non ci hai dato il tempo, non ci hai scritto una riga
Beh dieci centesimi nel telefono sono il modo migliore che conosco
Sei l’ultimo ad arrivare, amico mio sei il primo ad andartene

Il camion ti ha preso sul portico d’ingresso di notte
E sei indietro prima del tramonto del sole se non ti ubriachi
Non ti stiamo incatenando al tuo castello stanotte
Stiamo solo cercando di farti vedere una certa luce

Ti stanno facendo perdere la salute con peltro e legno
Ubriaco nel fienile giocando sporco e pulito
Ci sono 4,5 kg di vitello sullo spiedo
Non ce ne rimarranno neanche 30 grammi se non ti muovi
 

They're barring the doors at the back of the hall
It's cold in the winter, some freeze in the fall
The banquet's the supper that's set for the swine
If you're not at the gathering, and you've gone down the line

You're the last to arrive, you're the first one to leave
You don't give us the time, you don't drop us a line
Well a dime in the phone is the best way I know
You're the last to arrive, my friend you're the first one to go

The truck picks you up on your front porch at night
And you're back before sundown if you don't get blind
We're not chaining you down to your castle tonight
We're just trying to make you see some sort of light

They'll all drink your health out of pewter and wood
Get drunk in the hayloft playing dirty and good
There's ten pounds of oxen were skewered on spit
There'll not be an ounce if you don't make it quick

testo di Bernie Taupin      (mai pubblicata, 1969)

traduzione di